ricette

Brownies alle ciliegie senza latticini e senza glutine

Abbiamo preparato questi Brownies alle ciliegie da pubblicare nel mese di maggio sul portale Territori.COOP. Noi abbiamo usato il durone di Vignola, una particolare varietà di ciliegia tipica di quella zona dell’Appenino Modenese, coniugandolo al brownie, il tortino al cioccolato tipico dessert della cucina statunitense.

Brownies alle ciliegie duroni vignola territori.coop cioccolato brownie ciliegia durone

Il ciliegio è originario dell’Asia occidentale ma è presente in Europa sin dalla preistoria, come provano alcuni noccioli rinvenuti negli scavi di villaggi neolitici dell’area prealpina.

Secondo la leggenda narrata da Plinio il Vecchio nella “Naturalis Historia”, fu Lucio Licinio Lucullo (117 a.C. – 56 a.C.), militare romano, a portare in Italia la ciliegia e l’albicocca. Nel 73 a.C. Lucullo, allora console, vinse Mitridate e conquistò il regno del Ponto, dove il ciliegio era coltivato. La ciliegia potrebbe prendere il nome dalla regione di Cerasunte, sul Mar Nero, oppure dal porto di Keracos, nella regione del Ponto, dai quali Lucullo avrebbe importato questi frutti.

La ciliegia è da sempre apprezzata per le sue proprietà curative. Si dice che i legionari romani la consumassero come ricostituente dopo grandi battaglie

La ciliegia è ricca di zuccheri semplici e vitamine (A, B e C) e contiene anche proteine, potassio, calcio, magnesio, ferro e fosforo. A seconda della varietà, apportano da 38 a 50 calorie ogni 100 grammi. Sono molto dissetanti e hanno un effetto rimineralizzante ed energetico. Contengono, inoltre, acido malico che stimola il fegato e la digestione degli zuccheri e potassio che favorisce la diuresi.

Le ciliegie fanno parte della famiglia delle rose e del genere Prunus, che comprende due specie che consumiamo. Del Prunus cerasus (ciliegio acido) fanno parte amarene, visciole e marasche, perfette per la preparazione di liquori come il Maraschino, di sciroppi e di marmellate. Il Prunus avium (ciliegio dolce) si divide nuovamente in due e comprende le duracine – dette anche duroni – e le tenerine.

L’Italia è uno dei principali produttori europei di ciliegia con oltre 150 varietà. Molte regioni italiane hanno proprie zone di produzione e varietà tipiche, basti pensare al durone di Cesena, alla ciliegia mora di Cazzano, alla ciliegia del Monte, alla ciliegia di Marostica, alla ciliegia sarzanese, all’amarena di Castelvetro, alla marasca di Vigo, alla visciola nera di Vignola, all’amarena di Uscione, all’amarena di Trofarello o all’amarena di Pescara.

Brownies alle ciliegie duroni vignola territori.coop cioccolato brownie ciliegia durone

Il periodo di raccolta va da metà maggio ai primi di luglio. Al momento dell’acquisto, a garanzia della freschezza, il peduncolo deve essere ancora presente e di color verde brillante. Si conservano in un sacchetto di carta, in frigorifero se le si vuole mantenere per più di un giorno. Con i peduncoli si può fare un decotto dall’azione diuretica.

In molte culture le ciliegie hanno un’elevata carica simbolica. Nell’iconografia cristiana spesso la ciliegia rappresenta il frutto del Paradiso, antidoto della mela. Il suo colore rosso rimanda infatti al sangue versato da Cristo sulla croce. Per questo motivo si ritrova spesso sulla tavola dell’Ultima Cena e in molte Madonne con Gesù Bambino. Il ciliegio è addirittura oggetto di venerazione in Giappone, da parte degli scintoisti. Alla sua fioritura è riservata una festa religiosa: i fiori rappresentano la felicità effimera che diventa beatitudine eterna.

Per questi brownies abbiamo utilizzato il durone di Vignola: si tratta di una antica varietà di ciliegia contraddistinta da frutti molto grossi, di color rosso-nerastro e a polpa soda. Potete anche conservare il durone di Vignola sotto sciroppo per prepararvi questi golosi brownies tutto l’anno.

Brownies alle ciliegie duroni vignola territori.coop cioccolato brownie ciliegia durone

Ingredienti per 12 brownies alle ciliegie senza latticini e senza glutine:

  • 12 duroni di Vignola (o altre ciliegie a vostro piacimento)
  • 150 g di cioccolato fondente
  • 85 g di olio di riso
  • 15 g latte di mandorle non zuccherato o latte di soia
  • 100 g di zucchero
  • 2 uova
  • 40 g di farina di riso

Lavate, asciugate e snocciolate i duroni.

Preriscaldare il forno a 180°C.

Fondete il cioccolato a bagnomaria.

Mescolare olio, latte di mandorle, zucchero poi aggiungere le uova una per volta. Setacciate la farina e mescolatela al composto. Infine aggiungete il cioccolato.

Ungete e infarinate uno stampo (o, meglio ancora, foderatelo di carta da forno), versate l’impasto e disponetevi sopra le ciliege.

Cuocete a 180°C per circa 20 minuti. Sfornate, lasciate intiepidire e servite eventualmente spolverando con zucchero a velo. Per prensentarli meglio, potete tagliare i brownies alle ciliegie in quadretti, lasciando la ciliegia al centro.

Brownies alle ciliegie duroni vignola territori.coop cioccolato brownie ciliegia durone

2356 amici sono stati qui 6 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

2 commenti

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

  • Secondo me dobbiamo solo ringraziare chi ha portato ciliegie ed albicocche, due frutti che amo molto!
    Nonostante siano senza latticini e senza glutine, questi brownies sono irresistibili!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: