cultura del vino sul territorio

Cantine Argiolas: una famiglia di innovatori con i suoi splendidi vini

Continuando sulla Strada dei Vini di Cagliari, arriviamo alle Cantine Argiolas. Ci accolgono Giulia e Valentina Argiolas, nipoti del fondatore, e noi siamo subito colpiti dall’architettura dei fabbricati che compongono l’azienda (deformazione professionale?), in l’equilibrio tra innovazione e tradizione, come la Cantina.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Tutto comincia più di settant’anni fa con nonno Antonio Argiolas, un uomo forte e visionario, viaggiatore curioso, che dismette il caseificio di famiglia e si concentra sul vino, fondando la cantina. Dal 1938 agli anni Settanta vende solo vino sfuso, che in grandi navi cisterna ne raggiunge il resto d’Italia, la Francia e la Germania.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Negli anni Settanta l’azienda è posta davanti a un bivio: puntare sull’alta qualità o accettare il contributo della Comunità Europea ed estirpare i vigneti. Nonno Antonio è molto legato alle sue radici e non cede,  punta sulla qualità e apporta cambiamenti in vigna e in cantina; i vitigni locali oggi sono una scelta normale, ma allora no. Cannonau e Vermentino erano difficili da vendere agli Americani, ma la lungimiranza del nonno e dei suoi figli Franco e Giuseppe li porta su questa strada, scelta che oggi paga. Gli Argiolas iniziano la collaborazione con l’enologo Giacomo Tachis, con il quale nasce il Turriga, da subito molto apprezzato (nel 1995 viene premiato miglior vino rosso d’Italia).

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Gli Argiolas sono oggi alla terza generazione e l’azienda è passata in mano alle donne, Gulia  e Valentina, le nipoti di Antonio, che da lui hanno ereditato l’animo volto a innovazione e ricerca. Anche per l’enologo si ha una “linea di discendenza”: dai primi anni Novanta l’enologo è Mariano Murru, allievo di Tachis.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Valentina Argiolas, che è anche vicepresidente della Strada dei Vini Cagliari, ci accompagna a visitare l’azienda raccontandoci che vini buoni ormai ce ne sono tanti, ma oggi valori aggiunti sono la famiglia (l’azienda a conduzione familiare è una peculiarità italiana), la passione e l’ANIMA del vino; incontrare le persone che fanno il vino e vedere il territorio dove si fa diventa fondamentale.

Il vigneto

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

La mappa del vigneto sembra quasi la mappa di un parco naturale, ricco di ambienti diversi (ad esempio lo stagno salato con una considerevole avifauna) e l’ambiente è ricco per davvero: si trovano caratteristiche diverse nel giro di pochi metri, e questo si vede bene dal colore del terreno, che in alcune parti è addirittura rosso. Nei pressi dei vigneti si trova anche una chiesa del XII secolo.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Nel vigneto convivono piante degli anni Settanta “ad alberello” e piante più giovani, degli anni Novanta. Per proteggere le piante cdalla la tignola utilizzano la confusione sessuale, e funziona. Lungo i filari si pratica l’inerbimento del vigneto, che fornisce anche un concime naturale. La potatura è fondamentale, la vite non va mai ferita ma bisogna seguire il flusso della pianta. La vendemmia inizia di solito entro la fine di agosto; quest’anno probabilmente, dato il grande caldo, anticiperanno a inizio agosto.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Oltre a una diversificazione di matrice “naturale”, vi sono aree che si contraddistinguono per innovazione tecnologica, come il vigneto sperimentale con centraline meteo e il vivaio con tutte le varietà di vitigno sardo tradizionale. Si tratta di un progetto a favore della biodiversità in collaborazione con l’Università, con l’obiettivo di costruire una banca dati autoctona e trovare i cloni che meglio rispondono meglio.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

L’innovazione continua col monitoraggio delle emissioni di Co2 del vigneto, col risparmio idrico grazie  a quattro sonde a profondità diverse e l’irrigazione a goccia solo quando proprio necessario (è stato stimato un risparmio d’acqua del 50%). Infine pannelli fotovoltaici coprono il 50% del fabbisogno di energia della cantina.

La cantina: produzione e accoglienza

Dalla sua fondazione nel 1938, la cantina sorge nel centro del paese di Serdiana. Il nucleo originario è stato ristrutturato e destinato all’accoglienza e agli eventi, e ogni pezzo racconta una storia. La parte destinata alla produzione è stata costruita in modo che si potesse vedere il paesaggio vitivinicolo circostante. Accoglienza e produzione sono parte dello stesso complesso, ma sono chiaramente suddivise, così come sono ben ripartite le responsabilità tra i vari membri della famiglia (e questo potrebbe essere il segreto del riuscire a lavorare insieme).

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

L’architetto Savin Couelle ha saputo creare un’architettura molto innovativa con materiali tradizionali come i mattoni in terra cruda o le tegole smaltate (smaltare è una tecnica molto diffusa in Sardegna ma non si usa per i tetti; l’architetto ha voluto utilizzarla perché voleva far risplendere l’edificio).

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

La sala degustazione ed eventi è caratterizzata da elementi in legno di ginepro di recupero (il ginepro è albero protetto) e da una grande attenzione per i dettagli.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

L’enoteca è stata inaugurata nel 2011 e vende sia i vini Argiolas sia prodotti e oggetti tipici del territorio (ceramiche, dolci, zafferano S’Argidda, cappero di Salargino, ecc.). La porta dell’enoteca è stata realizzata in Francia da Francois Thevenin su disegno dell’architetto Savin Couelle e racconta le storie della vigna.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

La cantina vera e propria si trova sotto terra. Vi si trovano ancora vasche di fermentazione in cemento, una tradizione del sud utilizzata sia per il controllo della temperatura, sia perché si pensa che dia al vino qualcosa in più.

I vini rossi passano da acciaio a cemento a legno, i bianchi da cemento a fusti di rovere. Tutti i vini passano dal legno, hanno 1800 barrique, un enorme investimento in legno. La vita delle barrique in cantina è breve (lo scambio tra vino e legno le impoverisce), alcune sono state trasformate in fioriere, la maggior parte viene resa. La fase della barrique è delicata, poi si passa a imbottigliamento e affinamento.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Una parte delle bottiglie resta in cantina, sia per poter fare degustazioni verticali (ad esempio per il ventennale del Turriga si fece una degustazione 1998-2008), sia per attaccamento sentimentale (hanno ancora vini degli anni Sessanta e Settanta). Nella loro wine library conservano sempre più bottiglie, ma solo per assaggi tecnici.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

I vini

Quale miglior modo di provare i vini Argiolas se non un pranzo a base di specialità sarde?

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Iniziamo con l’aperitivo: panadinas, piccole torte salate tradizionali, accompagnate da Merì, un Vermentino di Sardegna DOC. Merì in sardo significa tardo pomeriggio, e il nome già suggerisce che sia un vino da aperitivo. La raccolta precoce del Vermentino dona una acidità maggiore, è un vino fresco e leggero.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Il processo di produzione di questo vino è innovativo: l’uva è refrigerata direttamente in vigna, alternando strati di uva e ghiaccio. In questo modo l’uva non si ossida durante la vendemmia e rimane più profumata. Nella prima fase della produzione non hanno bisogno di aggiungere solfiti, e in bottiglia i solfiti sono sotto la soglia del biologico. Erano così contenti dell’esito del Merì che hanno fatto anche i gadget. Non ci soffermiamo ora sulle panadinas perché mi hanno dato dipendenza e ho già provato a rifarle a casa, con una certa soddisfazione! Le vedrete presto pubblicate sul blog.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Il pranzo procede con fricassea di fegato, cuore e polmoni, accompagnata a vino rosso Is Solinas, vino rosso IGT Isola dei Nuraghi. Questo vino si ottiene nel Sulcis (costa sud-occidentale della Sardegna), caratterizzata da terreno sabbioso, ottima per i vini. L’affinamento avviene in botti in rovere francese.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

A seguire il proceddu (o proceddu, o porcheddu), da maiali allevati allo stato semibrado, accompagnato con Iselis rosso, vino rosso IGT Isola dei Nuraghi, dal profumo intenso ed avvolgente e dal gusto armonico e vellutato con tannini dolcissimi, frutta rossa e spezie in perfetto equilibrio.

Come dolce ci sono state servite piccole seadas (tradizionalmente se ne fa una enorme e la si affetta), piatto tipico della tradizione a base di semola, formaggio e miele.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

Molti altri sono i vini Argiolas che meriterebbero una menzione: l’Iselis bianco, il Turriga, il Cerdeña e altri ancora. Una menzione speciale la merita “Antonio 100“, vino rosso con uvaggio Cannonau, Carignano, Bovale e Malvasia nera. Antonio Argiolas, l’ormai famoso nonno, amava la malvasia nera, e per i suoi cento anni gli è stato dedicato questo splendido vino.

Cantine Argiolas vini vino sardegna cagliari

I vini e l’azienda Argiolas sono indissolubilmente legati alla storia di questa splendida famiglia e alla terra sarda; rappresentano il passato, il presente e il futuro della viticoltura sarda.

2826 amici sono stati qui 3 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Aggiungi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: