eventi

Cioccolato d’estate: non solo gelato

Rileggendo i precedenti due articoli sulla nostra esperienza in Domori, sembrava che fossimo stati messi ai lavori forzati: riempiti di nozioni tecniche durante la visita dell’azienda, tormentati da discorsi su genetica, coltivazione e fermentazione.

DSC_0442

Non è stato per niente così, tutt’altro! Siamo stati coccolati dal momento nostro arrivo (anche prima, a dir la verità, con il viaggio su un FrecciaRossa nuovo fiammante!), fino alla partenza, ma ho ritenuto le nozioni apprese così importanti da dedicare loro i due post molto seri di qualche giorno fa. Oggi quindi ci diamo finalmente allo “scascio”, come si dice dalle mie parti, sperando di trasmettervi quanto sia stato bello girare per una fabbrica di cioccolato, la cui unica pecca è stata la mancanza degli Umpa Lumpa!

DSC_0438

Siamo stati accolti da una colazione golosa, con marroncini, confetture Agrimontana e pane e crema gianduia senza latte: che se il cioccolato d’estate si scioglie, la crema spalmabile è il nostro sempreverde.

DSC_0446

DSC_0445-2 DSC_0444

DSC_0437

La nostra visita in azienda è stata costellata da un continuo “assaggia questo”, “assaggia quello”, e noi ovviamente ci siamo sempre tirati indietro… come no! Abbiamo provato lo zenzero candito ricoperto di cioccolato in tutte le fasi della sua lavorazione (è sempre buono!) e alla fine del giro ci siamo pure imbattuti in un tavolo con l’intera gamma dei ricoperti pronti per l’assaggio, che ovviamente precedeva la degustazione ufficiale, perché non vorrai rischiare che gli ospiti vadano via delusi!?!?. Commovente.

DSC_0518 DSC_0520

Ma il clou è venuto dopo pranzo, dove Marco Serra, maestro gelatiere di Mara dei Boschi, ci ha intrattenute con le sue golosissime preparazioni.

DSC_0679

Mara dei Boschi è giovane (quest’anno compie 3 anni) ma da subito ha scommesso sulla qualità, e la scelta ha pagato, diventando un must per i torinesi che amano le cose fatte bene. Marco Serra ha deciso di aprire la gelateria nel quartiere multietnico di San Salvario, caratterizzato dalla movida torinese, stuzzicato soprattutto dalla presenza di cucine da tutto il mondo. Marco pone grande attenzione nel mantenere nelle lavorazioni l’eccellenza dei prodotti che utilizza, come la nocciola di alta langa, il cioccolato Domori in tutte le sue specie o il pistacchio verde di Sicilia.

DSC_0624

Il primo assaggio che Marco Serra ci ha proposto mi ha veramente stupito: inizialmente scettica, mi sono innamorata del sapore di quello che ha chiamato “minestrone di verdura freddo” con caramello al frutto della passione, gelato al frutto della passione, frutti bosco, sedano e scaglie di cioccolato fondente, un’eccezionale esplosione di sapori profumi. Multisensoriale.

Cioccolato d'estate domori chocolate mara dei boschi marco serra gianluca franzoni

La seconda preparazione che il maestro gelatiere ha preparato davanti ai nostri occhi incantati è stato il marotto: gianduiotto rivisitato alla Mara dei Boschi. Ovviamente non poteva che essere gelato, preparato con Criollo Venezuela, nocciola IGP Piemonte e zucchero di canna. Senza aggiungere altro per renderlo più liquido, il risultato è molto denso e viscoso (forse un po’ troppo, ma questa è una nostra opinione personale).

DSC_0641

Mentre il marotto riposa in abbattitore, assistiamo alla creazione di una tavoletta dolce-salata in nostro onore, rivisitazione del cremino: lattesal, cioccolato bianco e pistacchio, in un grande equilibrio tra dolcezza e sapidità, morbidezza e croccantezza.

DSC_0652

Non poteva mancare in questa stagione il sorbetto di cioccolato, con Sur del lago 72% e cacao Criollo aromatico 22-24 (qui Marco Serra sottolinea che il colore del cacao buono non è nero). Incredibilmente fresco, io poi per i sorbetti al cioccolato ho una vera passione.

Ultima preparazione last minute, una crema gianduia spalmabile: 40% di cioccolato arriba 56%, 60% di nocciola gentile trilobata e olio e.v.o. in quantità del 10% sul peso totale (un olio leggero e non acido, tipo il ligure). Con questo caldo la crema risulta un po’ liquida, ma è una bomba di bontà.

DSC_0681

E siccome già sento che ci state odiando profondamente, non vi dirò che siamo stati mandati a casa con delle confezioni di fave di cacao di diverso tipo, e che altri prodotti ci sono arrivati a casa nelle settimane successive alla visita e sulle quali potete sbavare guardando l’ultima foto di questo post!

DSC_0692

In chiusura a questo racconto in tre puntate sul nostro giorno alla Domori, non possiamo non ringraziare Arianna Gandolfi e Cristina Scateni che l’hanno resa possibile, Domori in particolare nelle persone di Gianluca Franzoni e Angelo Nani, e Marco Serra. Un grazie anche alle amiche che hanno condiviso con noi questa giornata, con le quali ci siamo scambiate complici occhiate di goduria tra un assaggio e l’altro: Giulia di Alterkitchen (sì Giulia, ti sto rubando l’elenco dei nomi perché so che mi dimenticherei qualcuno, quindi a te va un doppio ringraziamento!), Valentina di Brodo di coccole, Valeria di Due cuori e una forchetta, Irene di Stuzzichevole, Veronica di Home Sweet Home Food, Federica di Travel to taste e Valentina di Tintacorda.

Cioccolato d'estate domori chocolate mara dei boschi marco serra gianluca franzoni

Alla prossima avventura… vi diamo già un indizio: ci sono il mare, buon cibo e i fenicotteri…

2419 amici sono stati qui 2 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Aggiungi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: