ricette

Fregula con trota al profumo di limone e cavolfiore

Dieta mediterranea: due parole dense di significato, stravolto nel corso degli anni. Da tanto tempo vorremmo approfondire la “vera” dieta mediterranea, prima dell’invasione degli alimenti raffinati, molto prima che diventasse una moda e venisse associata in tutto il mondo a “pasta & pizza”.

fregola fregula

E mentre segnavamo nel nostro interminabile elenco di idee e di “cose da fare” un approfondimento sulla dieta mediterranea prima degli anni Settanta, l’AIFB ci ha “fregati” e ha lanciato un contest proprio sulla dieta mediterranea, cogliendoci un po’ impreparati; si tratta del contest “I Magnifici 6”, indetto dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con l’AIFB.

fregula fregola trota salmonata cavolfiore

Abbiamo quindi racimolato le nostre poche conoscenze di base, tentando di fare “alla meno peggio” e cercando di distrarre l’attenzione puntando su un ingrediente a sorpresa, tipico della tradizione Sarda: la fregula, o fregola.

Conoscenza di base n.1: la fregula è simile al cous cous, ma è di dimensioni maggiori ed è più consistente. Pochi ingredienti (solo semola di grano duro e acqua), lavorati con tecniche tradizionali dalla Cooperativa Madonna d’Itria. Come è lenta la lavorazione artigianale della fregula, così è stata lenta la “maturazione” nelle nostre testoline di come cucinarla. In casa nostra è arrivata in un pacco di prodotti sardi Tipicamente Sardo vinto lo scorso anno grazie al contest “La cucina la mia isola felice” del social gastronomico MagnaCook. Quando ci arriva in casa qualcosa di speciale o inconsueto il primo pensiero è: “come lo prepariamo?” L’intento è sempre quello di valorizzare quegli ingredienti che solitamente non cuciniamo, per dare il giusto valore alle eccellenze dalla nostra penisola. Questo (ma non solo) porta ad avere tempi lunghi, ma di solito i risultati poi arrivano!

fregula fregola trota salmonata cavolfiore

Conoscenza di base n.2: il pesce è uno degli ingredienti fondamentali della dieta mediterranea. Noi abbiamo dato la nostra personale interpretazione a questo tema, utilizzando un pesce d’acqua dolce, la trota iridea, decisamente più “a chilometro zero” per noi che abitiamo a Mantova. A differenza del salmone, la trota ha un minore impatto ambientale sia per quanto riguarda gli impianti di acquacoltura, sia per il trasporto; entro 100 km dalle città italiane, infatti, c’è un impianto di acquacoltura per allevamento di trote. Rispetto al salmone è anche meno grassa e favorisce la prevenzione di malattie cardiovascolari, ed è anche più economica. Il servizio sms consumatori del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali al 05 di maggio dava il prezzo medio a 8,85€/kg , contro i 15,60 del salmone. Il pesce azzurro contiene più omega3, ma anche la trota non se la cava male.

Conoscenza di base n.3: abbondante utilizzo di ortaggi, nel nostro caso un cavolfiore. Lo abbiamo cotto al vapore per mantenere il più possibile intatte le sue proprietà antiossidanti. Alimento povero e molto salutare, sapevamo che si sarebbe abbinato perfettamente alla nostra trota.

In conclusione erbe aromatiche come se non ci fosse un domani (prezzemolo, erba cipollina e melissa), un buon olio e.v.o. estratto a freddo (e utilizzato a crudo), e zeste di limone al naturale che, col suo profumo che esce dal piatto, riporta subito alla mente i profumi del mediterraneo.

Fregula con trota al profumo di limone e cavolfiore

senza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza pomodoro_smalloksenza uova_smallok

fregula fregola trota salmonata cavolfiore

Ingredienti:

  • 160 gr di fregula
  • 1 filetto di trota salmonata (o branzino o orata)
  • 1 cavolfiore
  • erba cipollina
  • prezzemolo
  • melissa
  • pepe nero in grani
  • pepe bianco in grani
  • pepe Sichuan in grani
  • sale
  • 1 limone al naturale (bio)
  • olio e.v.o.

Per prima cosa prendete il filetto di trota e spinatelo per bene aiutandovi con una pinzetta. Prendete poi un po’ di erba cipollina, prezzemolo e melissa e tritateli finemente (noi abbiamo usato un coltello di ceramica per evitare una troppo rapida ossidazione degli odori). In un mortaio mettete i tre pepi e pestate lasciando dei pezzi grossolani. Unite il trito di erbe e i pepi e cospargeteli sul filetto di trota massaggiando leggermente.

fregula fregola trota salmonata cavolfiore

Prendete adesso il cavolfiore, togliete le foglie, e scimatelo lasciando interi gli “alberelli”; lavatelo e disponetelo in un contenitore per la cottura a vapore (noi ne abbiamo uno per microonde). Siccome ci mette circa una quindicina di minuti (noi lo lasciamo sempre un po’ “al dente”, se lo preferite “ben cotto” servono 20 minuti), avete tempo per continuare con la ricetta.

fregula fregola trota salmonata cavolfiore

Mettete sul fuoco una pentola d’acqua per cuocere la fregula. Mentre aspettate che cominci a bollire, prendete una padella, scaldatela bene e adagiatevi dentro il filetto di trota. Abbassate il fuoco, aggiungete un goccio d’acqua (1 dito in un bicchiere), qualche scorza di limone e coprite lasciando cuocere a fuoco basso per una decina di minuti. Se si asciuga troppo, aggiungete un altro goccio d’acqua. A cottura ultimata levatela dalla padella.

fregula fregola trota salmonata cavolfiore

Quando l’acqua bolle salate e buttate la fregola che cuoce anch’essa in circa 10 minuti. A questo punto dovrebbe essere cotto anche il cavolfiore. Mettetelo nella padella dove avete cotto la trota e fullatelo con un frullatore a immersione, lasciando intera qualche cimetta per la decorazione (ma anche perché la consistenza del cavolfiore è piacevole). Aggiungete la fregula, la trota che nel frattempo avete spellato, un filo di olio e.v.o. (noi abbiamo usato un olio aromatizzato alle erbe mediterranee sempre di origine sarda), aggiustate eventualmente di sale e spolverate con abbondante zeste di limone.  Ci siamo accorti che questa pasta è buona anche fredda, quindi potrebbe diventare un’insalata di pasta alternativa!

Con questa ricetta partecipiamo al contest “I Magnifici 6” dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio in collaborazione con l’AIFB nella categoria “PASTA”

BANNER CONTEST

2712 amici sono stati qui 2 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: