gli ingredienti

Peperoni

La stagine dei peperoni va da giugno a ottobre: la raccolta del peperone avviene a estate inoltrata, ma i peperoni verdi sono raccolti già da giugno. Negli altri periodi dell’anno provengono dalla serra e, oltre ad un maggiore contenuto di acqua, hanno poco profumo, un gusto poco marcato e un impatto ambiantale decisamente più alto!. Quando li scegliete, preferite quelli con la pelle ben tesa, senza rugosità, ammaccature o parti scure.

DSC_0384

Il gusto dei peperoni cambia a seconda del loro colore:

  • quelli verdi sono i peperoni raccolti prima della piena maturità che, se lasciati sulla pianta, diventerebbero gialli, rossi o arancioni secondo la varietà. Per questa ragione hanno un gusto amarognolo;
  • quelli rossi hanno una polpa croccante, spessa e zuccherina e un profumo fruttato;
  • quelli gialli sono succosi e teneri;
  • quelli arancioni rimangono un mistero, almeno per me!

DSC_0387

In linea di massima:

  • crudi conservano le loro proprietà nutrizionali (sono poco calorici e sono ricchi di fosforo, magnesio, calcio, rame, zinco, fibre e sali minerali); contrariamente a quanto si pensa, sono più facilmente digeribili crudi che cotti (per digererli bene anche da cotti continuate a leggere questo post!);
  • arrostiti: gialli, grandi e carnosi;
  • fritti: piccoli e allungati;
  • per riempire: piccoli e tondeggianti;
  • per aumentare le sfumature di sapore di peperonate e ragù di verdure: mescolare le diverse varietà.

Molti faticano a digerire i peperoni. Un trucco può essere quello di eliminare la buccia. Se avete un cannello caramellizzatore (l’attrezzo che serve per fare la crema catalana) bruciate la pelle del peperone – deve diventare proprio nera. In alternativa potete mettere i peperoni direttamente sul fornello del gas e farli bruciare bene su tutti i lati.

Una volta belli bruciacchiati fateli raffreddare ei raschiate la parte nera con la lama di un coltello (preferibilmente non seghettato). Sembra magia nera o uno di quei rimedi assolutamente cancerogeni che utilizzavano le nostre nonne, in realtà il bruciato viene via completamente insieme alla buccia e si tratta di un metodo assolutamente efficace e utilizzato in tutte le migliori cucine.

Togliete il picciolo al peperone e tagliatelo come desiderato (se volete conservarne la croccantezza spezzettatelo con le mani, non tagliatelo col coltello). Prestate attenzione a rimuovere bene i semi perchè contengono capsicina, alla quale si deve il sapore piccante del frutto.

Il peperoni sono alla base di molte ricette, noi vi suggeriamo la salsa per nachos e tacos del nostro menù messicano.

8680 amici sono stati qui 3 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Aggiungi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: