ricette

Ragù ferrarese

Da emiliana, il ragù ce l’ho nel sangue e per anni ne è esistito uno solo, quello bolognese. Con il blog i nostri orizzonti si sono ampliati, e dopo aver sperimentato il buonissimo ragù napoletano (grazie Marina!), abbiamo scoperto il ragù ferrarese. Avendo pubblicato la ricetta del ragù napoletano con la pasta di Gragnano, per par condicio il ragù ferrarese lo abbiamo abbinato a delle penne rigate altrettanto ferraresi, quelle della Pasta di Canossa. Si tratta di una pasta secca 100% emiliana, con pieno controllo della filiera: il grano è coltivato nella Tenuta Cuniola a San Martino di Ferrara e sempre lì viene trasformato in pasta. Ci siamo affezionati a questa pasta perché abbiamo conosciuto i produttori ad un Salone del Gusto a Torino, tanti anni fa, e nel tempo abbiamo seguito l’evoluzione del prodotto, che oggi è un ottimo prodotto.

 

Ragù ferrarese

ricetta di Elisa Dondi

Per 1 kg di ragù

  • 100 g di macinato di maiale
  • 100 g macinato di vitello
  • 1 salsiccia (200 g)
  • 1 cipolla piccola, 1 carota, 1 gambo di sedano
  • olio extravergine di oliva
  • vino bianco
  • sale, pepe
  • 30 g di funghi secchi
  • 500 ml (circa) di brodo di carne*

* Preparate il brodo di carne con doppione (carne gelatinosa di bue), un pezzettino di gallina, 3 carote, 1 cipolla bianca e 1 costa di sedano

Avviate il soffritto con un cucchiaino di olio, la cipolla, la carota ed il sedano tritati molto fini, fate rosolare molto bene.
Unite le carni e fate prendere colore poi sfumate con un bicchiere di vino bianco. Salate e pepate leggermente.
Bagnate con il brodo caldo e lasciate cuocere per un paio di ore, facendo attenzione all’idratazione (le carni devono cuocere ma non devono seccare eccessivamente; il risultato deve essere morbido ma compatto).
Nel frattempo fate rinvenire i funghi in acqua tipida per 30 minuti. Scolate con un colino ed unite al ragù nell’ultima mezz’ora di cottura.

 

6827 amici sono stati qui 6 amici oggi sono stati qui
avatar

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

2 commenti

Clicca qui per postare un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: