ricette

Tapas, pinchos, raciones e il nostro polpo alla galiziana

Con questo post continuiamo il filone legato alla cucina e alla gastronomia spagnola.Vi abbiamo già parlato delle tapas (QUI), probabilmente l’elemento più noto della cucina iberica insieme alla paella, e dei pinchos (QUI), i loro parenti “infilzati”. Saragozza, come tutte le città spagnole, offre un’infinità di posti dove gustare le specialità tipiche, sia a pranzo che a cena – l’orario, come potete immaginare, è piuttosto flessibile dato che siamo in Spagna – e praticamente per noi italiani e come un abbondante aperitivo con stuzzichini. A differenza dei nostri aperitivi, però, di solito si paga il cibo e non il bere, o lo si paga molto poco.

pinchos y tapas

Questo deriva probabilmente dal fatto che le tapas in origine accompagnavano la consumazione al bar, ma forse è dovuto anche al costo della birra, che è davvero molto basso, fino a 0,70 € per una caña,  la birra più piccola. Pinchos y tapas  di solito si pagano a porzione, o a paletto. La nostra esperienza consiglia di provare uno dei Lizarran, dove i pinchos costano 1,30 € col palillo piccolo e 1.70 € col palillo più grande; alcune sere invece si trova “tutto a 1 euro” (http://www.lizarran.es/). Se invece volete buttarvi nella mischia e lasciarvi guidare dal vostro intuito, percorrete i vicoli de El tubo , il quartiere storico dei locali di Zaragoza, un bel mix di storia e movida! (leggete QUI se volete saperne di più). Una delle ultime sere a Saragozza lo abbiamo fatto anche noi, anche se con qualche suggerimento avuto in precedenza, e vi riportiamo le specialità di ogni locale:

  • zona Calle Coso-Plaza Espana, Bar El Circo in Calle de Don Jerónimo Blancas 4, specialità: tortilla, ensaladilla e brochetas (spiedini). Abbiamo provato la tortilla, molto buona, fatta come a strati, l’ensaladilla, pure molto buona, con poca maionese e pure col tonno!
  • zona Plaza Espana, El Calamar Bravo in Calle Cinco de Marzo 14, luogo decisamente tipico.

DSC_0157

Questo è l’ABC, ma si può fare di meglio, andando sulle tapas più particolari e tipiche: El tapeo de la sardina! Si tratta di un minitour dedicato al gustoso pesciolino, e ne vale davvero la pena! Si comincia con la zona de La Seo, prima alla Taberna el lince in plaza Santa Marta ad assaggiare le sardinas rancias;

DSC_0169

spostandosi poi a La flor de la sierra in San Valero 8, dove dovete provare le sardinas a la plancha. E per concludere? il dolce, no? tornate in zona El Tubo, alla Bodega Almau in Estebanes 10, e ordinate la loro specialità: tapa sardina e cioccolato! Può sembrare decisamente azzardato, ma la base di formaggio fresco spalmata e i riccioli di cioccolato fondente si armonizzano in maniera davvero unica sul pane; l’assaggio è quasi un atto di fede, ma se non siete troppo “fighetti”, non potete sottrarvi!

DSC_0184

Spostandosi dal centro, vi consigliamo anche il Bar la Montesol in Calle Franco y Lopez 1 (zona Delicias) e le sue patatas bravas, oppure all’Almozara il Bar Cervino in Calle Ainzón 18, specialità: carne cotta in vari modi. Per concludere, diamo il nostro contributo alle tapas con una ricetta tipica spagnola preparata da noi, così vi potrete levare la voglia che vi abbiamo messo: il pulpo a la gallega con fiocchi di sale!!

Il nostro pulpo a la gallega (polpo alla galiziana)

senza glutine_smalloksenza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza pomodoro_smalloksenza uova_smallok

pulpo polpo alla gallega galiziana

Per due persone procuratevi un polpo intero, diciamo tra i 600 e gli 800 grammi, ma se anche è più grande, nessun problema (ce ne sarà di più) e poi:

  • 4 patate
  • 1 bicchiere d’aceto
  • 2 foglie d’alloro
  • paprica dolce
  • fiocchi di sale
  • olio e.v.o. al prezzemolo (o prezzemolo a parte da unire)

Se il polpo è fresco, fatevelo pulire dal pescivendolo, al massimo dovrete eliminare il becco al centro dei tentacoli (spremetelo e uscirà) e gli occhi con un coltellino.

pulpo polpo alla gallega galiziana

Mettete a bollire una pentola d’acqua con un bicchiere di aceto e due foglie di alloro, NON salate. Ad ebollizione, prendete il polpo per il cappuccio e intingete un paio di volte le estremità dei tentacoli nell’acqua, in questo modo si arricceranno. Immergete il polpo nell’acqua e fatelo cuocere per 45 minuti/kg. Terminata la cottura spegnete il fuoco e lasciate raffreddare senza togliere il polpo dall’acqua; in questo modo resterà tenero. Una volta raffreddato, togliete il polpo dalla pentola e tagliatelo a pezzi.

pulpo polpo alla gallega galiziana

Mentre il polpo cuoce, tagliate delle patate a fettine e fatele lessare in pentola. Una volta cotte fatele raffreddare e disponetele sul fondo del piatto di portata. Adagiatevi sopra i pezzi polpo e condite con un filo di olio al prezzemolo, fiocchi di sale e paprica dolce. I fiocchi di sale contrasteranno per sapidità e croccantezza con il gusto dolce e morbido delle patate.

6144 amici sono stati qui 1 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

6 commenti

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

  • Quando penso alle mie vacanze trascorse in Spagna, comincio a sognare, sia perché è bellissima, perché la gente è così disponibile e perché il cibo è fantastico e molto celiaco friendly, come ben lo dimostra anche questo polpo!

    • Dopo una giornata di sopralluoghi, dopo giorni che mangiavo praticamente solo panini al volo, fermarmi nella stazione di Ferrater e gustare un piatto di polpo alla gallega fu veramente un sogno…

  • Tengo españa en mi corazon….y el pulpo a la gallega pure….bellissima ricetta della tradizione. Grazie!!

    • :) Ora la teniamo anche noi, non vediamo l’ora di tornare là, ma il volo è prenotato ormai ci siamo!

  • ohsignur che spettacolo di foto! e che bel mangiare che vedono i miei occhi! Sto popliceddu deve essere una goduria! Grazie mille e a presto, Sonia

    • Ahah grazie mille! Devo dire che il polpo era veramente meraviglioso!! Adoriamo i fiocchi di sale :D

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: