ricette

Anelli fritti: anelli di cipolla e calamari

Oggi ho pensato di organizzare una cena dal tema “anelli fritti”: calamari e cipolla. Accendo la televisione mentre mi dedico alle minime indispensabili faccende domestiche e c’è Simone Rugiati che sta dando consigli su come preparare le cipolle per friggerle: un segno del destino!

Anelli di cipolla calamari frittura fritto

Non essendo una grande esperta del tema (prima volta che preparo questo goloso snack) ascolto attentamente i suoi suggerimenti che vi riporto: tagliate a rondelle la cipolla quindi togliete la pellicina che si trova tra uno strato di cipolla e l’altro. Quesa pellicina ha tempi di cottura inferiori rispetto al resto quindi rischiate di avere un fritto che contemporaneamente è bruciato ma crudo. La pellicina viene via più facilmente con le mani bagnate.

Ho seguito questi suggerimenti ed effettivamente i miei anelli di cipolla son venuti belli dorati, ben cotti e per niente bruciati. Sarebbero venuti nello stesso modo se avessi lasciato la pellicina? Non lo scoprirò mai!!!

Anelli di cipolla

senza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza pomodoro_smallokvegetariano_smallok

Anelli di cipolla calamari frittura fritto

per 2-3 persone:

  • 1 cipolla grande
  • 120 g di farina tipo 00
  • 1 uovo
  • 100 g di birra
  • olio di arachide per friggere

Tagliate la cipolla in rondelle alte circa 1 cm. Procedete a eliminare la pellicina come sopra descritto.

Preparate la pastella sbattendo la farina, l’uovo e la birra.

Mettete a scaldare l’olio e, quando sarà andato in temperatura, iniziate a cuocere gli anelli di cipolla, pochi per volta. Se preparate anche i calamari iniziate friggendo prima la cipolla e poi i calamari, altrimenti saprà tutto di pesce.

Calamari fritti

senza glutine_smalloksenza latticini_smalloksenza lievito_smalloksenza pomodoro_smalloksenza uova_smallok

Anelli di cipolla calamari frittura fritto

Per 2 persone:

  • 500 g di calamari puliti
  • farina (di riso o tipo 0) q.b.
  • olio di arachidi per friggere

Tagliate i calamari a rondelle e lavateli bene, passandoli sotto l’acqua fredda corrente. Asciugateli benissimo, scolandoli bene ed eventualmente aiutandovi con carta assorbente da cucina. Mettete i calamari in una ciotola e aggiungete farina quanto basta per coprirli bene. In una padella adatta per i fritti (io ho utilizzato il wok, come al solito!) scaldate l’olio e, quando sarà andato in temperatura, friggete i calamari gettandoli pochi per volta.

Anelli di cipolla calamari frittura fritto

2677 amici sono stati qui 2 amici oggi sono stati qui
avatar

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Aggiungi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: