ricette

Cioccolatini ripieni con e senza stampi

Cioccolatini ripieni: il ripieno duro

DSC_0174-2

Il ripieno duro è il più semplice (più avanti vedremo anche come si fanno i cioccolatini con ganache, creme, ripieni liquorosi & co). Potete ottenerli sia con gli stampini per i cioccolatini che senza. Nel primo caso la prima operazione sarà relativa alla costruzione del guscio esterno, nel secondo partirete invece dal ripieno e andrete a ottenere il cioccolatino, che avrà un aspetto più casalingo.

CON GLI STAMPI

1. Fondete il cioccolato (trovate delucidazioni sul temperaggio o sullo scioglimento a bagnomaria nel primo post sui cioccolatini).

2. Se volete aromatizzare il cioccolato leggete il passaggio n.2 del post “Cioccolatini aromatizzati”.

3. Una volta che il cioccolato si sarà sciolto versatelo negli stampini di silicone fino a riempire tutti i buchi. Scuotete bene in modo da eliminare le eventuali bolle d’aria che potrebbero essersi formate.

4. (l’operazione che mi piace meno!!) Capovolgete lo stampino di silicone sulla pentola dove avete sciolto il cioccolato in modo che il cioccolato fuoriesca e rimanga solo un sottile strato sulle pareti dello stampino. Aiutatevi con un leccapentole per eliminare il cioccolato di troppo depositato tra una forma e l’altra dello stampino. Questo procedimento è indispensabile se volete fare cioccolatini con ripieni morbidi (creme, ganache, ecc.), un po’ meno se volete utilizzare ripieni “solidi” (nocciole, frutta secca, ecc.). Io comunque lo faccio sempre perchè così mi assicuro che il guscio esterno riesca senza difetti.

5. Riponete in frigorifero per un paio di ore.

(Qui viene la parte divertente!!!)

6. Riempite i vostri cioccolatini con ciò che vi suggerisce la fantasia, stando attenti che il ripieno non superi in altezza il buco dello stampino in silicone. Potete utilizzare un ripieno duro o anche una ganache.

7. Tornate a sciogliere il cioccolato, sempre a bagnomaria, e riempite i buchi. Con il leccapentole lisciate la superficie ed eliminate il cioccolato in eccesso.

8. Riponete in frigorifero per un paio di ore.

(Ed ecco finalmente un po’ di soddisfazione dopo tanta fatica!!)

9. Prendete lo stampino di silicone e sformate i cioccolatini eventualmente rovesciando lo stampo.

10. Se volete guarnire i cioccolatini in superficie, leggete il passaggio “per guarnire” del post “Cioccolatini semplici decorati”.

Si conservano in frigorifero… ma siamo convinti che non dureranno a lungo!!!

DSC_1567

CIOCCOLATINO ALLA LAVANDA CON NOCCIOLA DI MACADAMIA

DSC_0147-2

Ingredienti:

  • cioccolato fondente min. 70%
  • una nocciola di Macadamia per ogni cioccolatino
  • fiori di lavanda (non li abbiamo raccolti nei campi, fanno parte della linea “Gusti vegetali” della Famiglia Ferri!)

Fondete il cioccolato a bagnomaria, utilizzando due pentole di dimensioni tali che una possa contenere agevolmente l’altra; mettete il cioccolato fondente in quella più piccola e versate qualche dito d’acqua nell’altra; infilate il primo recipiente nel secondo evitando che tocchi l’acqua (io questo l’ho imparato solo recentemente… il bagnomaria si fonda sul vapore) e fate scaldare a fuoco basso, mescolando sempre. Una volta che il cioccolato si sarà sciolto versatelo negli stampini di silicone fino a riempire tutti i buchi. Scuotete bene in modo da eliminare le eventuali bolle d’aria che potrebbero essersi formate. Capovolgete lo stampino di silicone sulla pentola dove avete sciolto il cioccolato in modo che il cioccolato fuoriesca e rimanga solo un sottile strato sulle pareti dello stampino (operazione infame!!). Aiutatevi con un leccapentole per eliminare il cioccolato di troppo depositato tra una forma e l’altra dello stampino. Questo procedimento per ottenere il guscio non sarebbe indispensabile per questo cioccolatino perchè il nostro ripieno è solido (la nocciola), non morbido. Io comunque lo faccio sempre perchè così mi assicuro che il guscio esterno riesca senza difetti. Riponete in frigorifero per un paio di ore. Riempite i cioccolatini con le nocciole di Macadamia, una per buchetto, stando attenti che il ripieno non superi in altezza il buco dello stampino in silicone (in poche parole…stampi grandi o nocciole piccole!). Tornate a sciogliere il cioccolato, sempre a bagnomaria, e riempite i buchi. Con il leccapentole lisciate la superficie  ed eliminate il cioccolato in eccesso. Riponete in frigorifero per un paio di ore. Prendete lo stampino di silicone e sformate i cioccolatini eventualmente rovesciando lo stampo. Guarnite la superficie spennellando un po’ di cioccolato con l’ausilio di un pennello in silicone sulla superficie e “incollatevi” i grani di lavanda.

Cioccolatini ripieni senza stampini

DSC_0227

I cioccolatini con ripieno duro si possono ottenere a partire dal ripieno.

  1. Fondete il cioccolato (trovate delucidazioni sul temperaggio o sullo scioglimento a bagnomaria nel primo post sui cioccolatini).
  2. Immergete il ripieno nel cioccolato aiutandovi con una forchettina – ne esistono anche di apposite – in modo che la superficie del ripieno risulti avvolta in modo omogeneo.
  3. Fate asciugare su carta da forno.
  4. Se volete un guscio di cioccolato più spesso ripetete l’operazione più volte.

DSC_0267

POSSIBILI RIPIENI…

Questi sono alcuni dei ripieni che la nostra fantasia ci ha suggerito… sbizzarritevi e fateci sapere quali sono i vostri preferiti!!

Ripieni duri:

  • Frutta secca: nocciole, mandorle, pinoli, noci, nocciole di macadamia, ecc.
  • Miele e noci
  • Uvetta, eventualmente ammollata nel rum
  • Amarene sotto spirito o sciroppate
  • Amaretti
  • Pistacchi e scorza di arancia
  • Riso soffiato
  • Torrone sbriciolato
  • Cocco
  • Meringhe
  • Scorza di arancia
  • Miele, riso soffiato e nocciole tritate grossolanamente
  • Frutta fresca di stagione (nel caso mangiateli subito!).

DSC_0223

DSC_0229

DSC_0269

3120 amici sono stati qui 1 amici oggi sono stati qui

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Aggiungi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Acqua&Menta è membro di

aifb associazione italiana food blogger

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: