ricette

Tre tartellette veloci e un aperitivo per le feste

L’antipasto è una portata da non sottovalutare. È il primo piatto che ci viene servito, che ci prepara al pasto vero e proprio, e spesso è quello che assaliamo più voracemente. La scelta dei sapori può anticipare quelli delle pietanze che seguiranno, e se i primi e i secondi piatti saranno ricchi di carboidrati o di grassi – come sono i piatti della tradizione per le feste – l’antipasto dovrebbe cercare di appagare il palato senza appesantire la pancia.

Negli scorsi anni abbiamo avuto spesso l’onere e l’onore di provvedere agli antipasti per le feste di Natale o Pasqua in famiglia e anche per quest’anno abbiamo pensato di offrirvi tre idee che potete combinare a piacimento e che possono accompagnarsi a menù tradizionali o più ricercati e originali. Abbiamo infatti deciso di dire NO! al piatto di salumi come antipasto, che si porta dietro un intero cestino del pane che viene sbocconcellato mentre si attende il primo piatto, proponendo invece delle ricette di antipasti veloci da preparare ma meno ricchi.

Collezione antipasti di Natale inverno 2013 [clicca]

antipasti di Natale patate duchessa alberelli sferificazione pomodoro aspic passito uvetta formaggio anacardi chips radici tuberi hamburger

Collezione antipasti di Natale inverno 2014 [clicca]

Quest’anno abbiamo scelto di realizzare delle tartellette usando come base la pasta fillo perché è leggera, pratica e permette una buona resa con poche quantità, limitando l’apporto di carboidrati. Vi proponiamo due versioni vegetariane, ottime non solo per chi non mangia carne e pesce ma per tutti, dato che questi alimenti solitamente non mancano nelle portate successive, e una versione con protagonista la trota salmonata che strizza l’occhio alla più tradizionale tartina con il salmone.

antipasti natale tartellette veloci sangria invernale

Inoltre, visto che siamo particolarmente buoni, oltre a farvi fare bella figura a tavola, perché non darvi anche una ricetta per accogliere degnamente i vostri ospiti con un caloroso aperitivo? Vi proponiamo una sangria invernale, con frutta di stagione e lambrusco emiliano rosso amabile come ingrediente base.

Tutte le ricette vengono dalla rivista americana Food Network. Mi piace questa rivista perché propone idee semplici ma azzeccate; nella versione originale certe ricette sono fin troppo semplici, perché si indicano molti ingredienti confezionati. Ad esempio i cestini di pasta fillo nella ricetta della rivista sono surgelati, mentre noi li abbiamo preparati in casa. A voi la scelta :)

Tre tartellette veloci e un aperitivo per le feste

Per i cestini di pasta fillo

Per 15 cestini diametro 9 cm:

  • 1 rotolo di pasta fillo da 250 g
  • 50 g di burro o di olio extravergine di oliva (noi burro chiarificato senza lattosio)

Per preparare i cestini, coppate la pasta fillo in dischi di diametro superiore a quello degli stampi che userete (circa un paio di centimetri). Oliate o imburrate lo stampino poi disponete un disco di pasta fillo a formare un cestino, spennellatelo con olio o burro e procedete in questo modo sovrapponendo in tutto quattro fogli di pasta fillo. L’ultimo disco non va spennellato.

Infornate a 180°C finché non saranno dorati (circa 10 minuti). Potrebbero alzarsi leggermente durante la cottura, se volete fare i pignoli procedete con la cottura “in bianco” coprendo l’ultimo disco con carta da forno e disponendovi sopra fagioli secchi.

antipasti natale tartellette veloci sangria invernale

Zucca e salvia (la tartelletta vien dalla campagna)

La zucca è uno dei simboli della gastronomia mantovana, sulla nostra tavola delle feste non può mai mancare.

Ripieno per 5 tartellette:

  • 1 tazza di cubetti di zucca (175 grammi di zucca pulita, tagliata a cubetti di 0,5 cm di lato)
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 8 foglie di salvia, spezzettate a mano
  • Un pizzico di sale
  • Fontina o Emmental q.b. (noi Emmental senza lattosio)

Mescolate zucca, olio, sale e salvia, disponete su una teglia con carta da forno e cuocete a 220°C finché la zucca non sarà morbida (15 minuti circa).

Riempite le tartellette (già cotte) con la zucca, completate con il formaggio a fette o grattugiato e ripassate in forno a 180° fino a che il formaggio non si sarà sciolto (circa 5-10 minuti).

antipasti natale tartellette veloci sangria invernale

Trota in acido controcorrente

Il salmone è un ingrediente ricorrente durante le feste natalizie, ma noi abbiamo preferito proporvi un’alternativa più sostenibile come la trota salmonata (iridea) affumicata, allevata nelle valli del nord Italia.

Ripieno per 6 tartellette:

  • 4 cucchiai di crème fraîche*
  • 2 cucchiaini di succo di limone
  • scorza di mezzo limone (l’altra metà di scorza potete usarla come decorazione)
  • sale e pepe
  • 4 uova, strapazzate**
  • 6 fettine di salmone o trota affumicata
  • qualche filo di erba cipollina
  • aneto

* Per la crème fraîche abbiamo seguito la ricetta di Kenji Lopez-Alt: abbiamo unito mezza tazza di panna intera fresca e 1 cucchiaio di yogurt bianco intero (nel nostro caso tutto senza lattosio, lo yogurt lo abbiamo trovato solo parzialmente scremato). Li abbiamo mescolati insieme e li abbiamo lasciati 6 ore a temperatura ambiente. Kenji Lopez Alt dice di non preoccuparsi se il composto rimane a temperatura ambiente per così tanto tempo perché saranno i batteri “buoni” del latticello o dello yogurt a moltiplicarsi. Siccome poi il composto non è diventato denso abbiamo semplicemente utilizzato 4 cucchiai di yogurt :D

** Per le uova strapazzate abbiamo nuovamente seguito una ricetta di Kenji Lopez-Alt, questa volta però con più successo. Vi serviranno 4 uova, 1/4 di cucchiaino di sale, 2 cucchiai di latte intero (per noi delattosato) e 1 cucchiaio di burro non salato (per noi chiarificato e delattosato). Mescolate le uova, il sale e il latte in una ciotola e sbattete fino a ottenere un composto omogeneo e schiumoso. Lasciate riposare a temperatura ambiente per almeno 15 minuti. Sciogliete il burro a fuoco medio-alto in una padella antiaderente, muovendo il burro in modo da ungere tutta la superficie. Rimescolate le uova fino a quando tornano a essere schiumose, versate nella padella e cuocete lentamente, rompendole con una spatola da sotto e dai lati (consiglio ancora migliore: fatelo con le chopstick, le bacchette giapponesi), continuando a cuocere e rompere e mescolare fino a quando le uova non avranno formato un composto solido e umido e non ci siano più parti liquide, circa 2 minuti.

Mescolate la crème fraîche, il succo e la scorza del limone e aggiustate di sale e pepe. Riempite i cestini (già cotti) con le uova strapazzate e la trota affumicata e completate con la crema, l’erba cipollina sminuzzata e l’aneto.

antipasti natale tartellette veloci sangria invernale

iTartellet (Apple & blue cheese)

Chiudiamo con un abbinamento di sapori meno usuale: Gorgonzola DOP, altra eccellenza lombarda, e mela Granny Smith. Lo sapevate che il Gorgonzola DOP è naturalmente privo di lattosio?

Ingredienti per 5 tartellette:

  • 1 scalogno
  • 1 mela Granny Smith
  • Gorgonzola DOP q.b.
  • 1 cucchiaino di timo
  • 1 cucchiaio di burro (per noi chiarificato e senza lattosio) o di olio extravergine di oliva
  • Prezzemolo q.b.

Sbucciate la mela, tagliatela a cubetti di 0,5 cm di lato e fatela saltare in padella con un cucchiaio di burro e lo scalogno sminuzzato, il timo e un pizzico di sale fino a quando sarà morbida (circa 8 minuti).

Riempiti i cestini (già cotti) con la mela e completate con qualche pezzetto di Gorgonzola.

Infornate a 180° fino a quando il formaggio non si sarà sciolto (circa 5-10 minuti). Completate con il prezzemolo sminuzzato.

antipasti natale tartellette veloci sangria invernale

Sangria invernale

Ricetta di Sunny Anderson, Food Network dicembre 2011

Per 8 drink:

  • 2 tazze di succo di arancia senza polpa (noi spremuta filtrata al colino)
  • da 85 a 160 g di liquore all’arancia (dipende quanto volete che il vostro punch sia alcolico)
  • 2 cucchiai di miele, noi millefiori
  • 1 stecca di cannella
  • 2 clementine con la buccia edibile o 2 arance rosse (noi 1 clementina e 1 arancia)
  • 1 mela Granny Smith pelata e tagliata a cubetti di 5 mm di lato
  • 1 pera red Anjou (o varietà affine) pelata e tagliata a cubetti di 5 mm di lato
  • 2 litri di vino rosso frizzante amabile, molto freddo (noi lambrusco)
  • 1 litro di soda al limone, molto fredda

In una caraffa larga o in una ciotola mescolate il succo di arancia, il liquore all’arancia e il miele. Aggiungete la stecca di cannella, le clementine e/o le arance, la mela e la pera e mescolate. Lasciate riposare per almeno un’ora a temperatura ambiente.

Subito prima di servire, aggiungete il vino e la soda alla frutta e mescolate delicatamente per combinare. Servite immediatamente in bicchieri riempiti con cubetti di ghiaccio.

8650 amici sono stati qui 14 amici oggi sono stati qui
avatar

Pensacuoca e Fotomangio

Gli articoli di Pensacuoca e Fotomangio sono quelli scritti a quattro mani. La maggior parte dei nostri articoli nasce così, dopo lunghe trattative su tutto. Lui è preciso, ha un ottimo palato e la pazienza per settare correttamente la macchina fotografica. Lei è quella creativa ma scapestrata.

Aggiungi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ti è piaciuto? non ti è piaciuto? lasciaci un commento!

Non perderti nessun articolo!

Orgogliosi di essere in

Orgogliosi di essere in

Partecipiamo al

Partecipiamo al

Archives

Seguici su:

 

facebooktwittergoogle+pinterestyoutuberss

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: